La dea cieca

La dea ciecaSappiamo che è stato commesso un crimine, che qualcuno ha commesso un crimine, sappiamo perfino chi è stato a commettere quel crimine e perché ha commesso quel crimine, sappiamo un sacco di cose, cazzo. Ma possiamo provarlo?

Ho trovato in biblioteca questo La dea cieca di Anne Holt, famosa scrittrice norvegese, che è stata anche magistrato e ministro della giustizia.

Ha scritto numerosi romanzi, questo pare sia il primo in cui compare la sua eroina, la poliziotta Hanne Wilhelmsen, e pare sia anche il primo ed ultimo che leggo.

Praticamente i lettori sanno già tutto dalle prime pagine, come lo sanno già anche gli investigatori (oltretutto a me il protagonista principale sembrava quell’altro poliziotto), il difficile è inchiodare i colpevoli.

La certezza del diritto è diventato uno strumento utile ai colpevoli.

Tutto il romanzo gioca su questo fatto, ma lo fa con un coinvolgimento emotivo glaciale e con un’azione prossima al sonno profondo. Nel momento in cui l’azione sembra correre ed inizia a farti venire voglia di girare pagina ti accorgi che gli espedienti inventati dalla scrittrice sono banali ed irreali.

Si spera fino alla fine almeno in una sana scena di sesso, ma non c’è neanche quella.

No, non mi è piaciuto.

Nel dubbio che la colpa sia la mia, su Anobii ben 2 stelline.

Annunci

2 commenti su “La dea cieca

  1. nick982 ha detto:

    a me lo hanno regalato, sono arrivato a metà libro e non sono riuscito a finirlo….l’ho riposto in libreria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...