Utopia a misura d’uomo

moni ovadiaOggi a Fahrenheit su Radiotre ho ascoltato un intervista a Moni Ovadia che presentava il suo ultimo libro Madre Dignità.

Riporto qui sotto un piccolissimo estratto del suo intervento che ho subito trascritto (ascolto in podcast e riesco a trascrivere quello che sento).

 

Non aggiungo nessun commento, devo ancora rifletterci.

 

Dove cade la rivoluzione è proprio sulla questione della pena di morte, cioè nel momento in cui afferma i diritti, nega contestualmente il diritto fondamentale, il diritto alla vita. Si fa prendere la mano dal furore di mettere in atto a tutti i costi delle idee che diventano a questo punto rigide, non tengono conto della fragilità umana, dei limiti e della necessità che l’utopia sia a misura d’uomo e non l’uomo a misura di utopia e poi avvengono queste derive che conosceranno quasi tutte le rivoluzioni.

Annunci

7 commenti su “Utopia a misura d’uomo

  1. valivi ha detto:

    Uh, tra poco andrà in scena al Piccolo Teatro di Milano il suo ultimo spettacolo, ma purtroppo non ci posso andare

  2. L’Italia è l”unoco paese in cui l’utopia non attecchisce in alcuno dei duemodi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...