Contest

Alessio e Alberto

Ecco, come promesso ora vi racconto.

Venerdì sera abbiamo suonato al St. Mary di Lama, un paese nella alta val tiberina, ad una settantina di chilometri da casa mia. Il posto era carino, un pub realizzato all’interno di una chiesa sconsacrata,  con un angolo dove poter posizionare gruppi che non abbiano troppe pretese di spazio.

Questo contest, come tanti altri, funziona più o meno così: in ogni serata prevista suonano due gruppi, uno solamente passa il turno; ogni persona del pubblico può votare; ad ogni consumazione si ha diritto ad un voto. Naturalmente più amici e parenti ti porti dietro e più probabilità hai di passare il turno e naturalmente così facendo riempi il locale per la gioia dei gestori.

L’organizzazione è stata chiara da subito, erano offerte la cena ed una bevuta solo ad ogni componente del gruppo, ma è stata la prima volta (no, la seconda) in cui hanno duvuto pagare la cena anche gli accompagnatori (moglie e figli). Ecco, questo mi ha messo subito di malumore.

Anzi no, di malumore c’ero da prima di cena, dal soundchek, quando ho scoperto che non so per colpa di chi (forse anche nostra) avevamo a disposizione solo un microfono per la voce solista e che quindi non c’era la possibilità di fare i cori. Per noi (e soprattutto per me) i cori sono importanti quanto lo erano per i Beatles o per i Clash, per intenderci.

Insomma, io sul palco non mi sono divertito poi tanto, l’unica cosa positiva della serata è che è stata una delle poche volte in cui avevo i miei bimbi tra il pubblico, e mi dispiace non aver dato il meglio di me, comunque loro si sono divertiti.

Il turno per fortuna non lo abbiamo passato, hanno vinto la serata dei ragazzini che suonavano cover heavy matal!

Considerazioni finali: secondo me gli Sdemoika non sono più un gruppo da contest (anche perché potremmo essere i genitori degli altri concorrenti), a me interessa divertirmi su un palco, ma non per questo dobbiamo suonare ad ogni costo ed in qualsiasi situazione. E’ vero che è importante anche farsi conoscere in zone che non sono le nostre, magari troviamo qualche fans nuovo, qualcuno che ci apprezza e che è pure disposto a spendere 5 euro per comprarsi un nostro Cd, ma… qualcuno se li era dimenticati a casa.

St. Mary

Annunci

3 commenti su “Contest

  1. deve essere liberatorio un sacco star lì e suonare. non sia che vpoglia che ho di prendere una chitarra in mano… quindi fregatene di tutto sta lì e suona anche per me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...