Lontano dal fronte

Sono venti anni che giro con la macchina per le provincie di Siena e Perugia. Vedendo in ogni più piccolo paese un monumento (o una lapide) che ricorda i caduti nella Prima Guerra Mondiale ho sempre avuto come idea quella di fotografarli e raccoglierli tutti. Ho aspettato di avvicinarmi al centenario, ho aspettato di avere una macchina fotografica decente, ho aspettato di avere un territorio geograficamente uniforme su cui lavorare.

Ho iniziato la mia impresa nell’ottobre dell scorso anno, e lo annunciavo con questo post.

Nell’inverno il lavoro è andato avanti a rilento causa il maltempo, in questi 5 mesi ho fotografato solo 33 monumenti o lapidi ed alcune foto le ho pubblicate qui. (appena tornerà il mio iMac riprenderò la pubblicazione)

Ho però scoperto di non essere l’unico ad aver avuto questa idea.

Ho appena comprato il volume Lontani dal fronte, monumenti e ricordi della Grande Guerra nel Senese.

Ci sono le foto e le descrizioni storico-architettoniche di tutti i monumenti della provincia di Siena. Un bellissimo lavoro, peccato che l’idea era la mia!

Che fare? Continuo lo stesso la mia opera, io non avrei mai avuto modo di risalire alle notizie, però sto facendo fotografie decisamente migliori rispetto a quelle che ci sono in questo libro.

Cosa ne farò a fine lavoro? Non lo so, sicuramente un libro fotografico per me.

Per la gioia di tutti spero di tornare a pubblicare presto altre immagini, intanto la mia Nikon d5100 è sempre con me.

Annunci

10 commenti su “Lontano dal fronte

  1. Ma continua! E chi ti dice che tu non possa renderla migliore epiù stuzzicante e magari trovare qualche sfuggito ai più?

  2. flofflo ha detto:

    Devi assolutamente continuare! Ogni “occhio” è diverso dall’altro, e quello che hai visto tu in questi anni è certamente “diverso” da quel che ha visto l’autore del libro. La prospettiva soggettiva cambia ogni cosa ;).

    • Mohawk ha detto:

      Le curatrici di quel libro hanno fatto un’eccezionale ricerca, le foto sono solo didascaliche, giusto per far capire di che stanno parlando.

  3. icco ha detto:

    te vorresti arrende solo perché un’altro,anche se l’idea l’hai avuta prima tu, lo ha fatto prima di te?…. c’è gente come me che non comprerà mai il libro ma conoscere i monumenti del senese solo attrvaverso le tue foto

  4. stellassj ha detto:

    Consultare un altro lavoro sullo stesso argomento non potrà che giovare al tuo progetto! Riguardo alla pubblicazione di volumi fotografici, piuttosto, non è facile trovare un editore. Ma trattandosi di un progetto legato al territorio potresti (invece che farne un libro solo per te) trovare qualche associazione locale interessata a finanziarlo… Se ne hai tempo e voglia ti invito a dare un’occhiata al mio piccolo progetto fotografico sui monumenti della Grande Guerra a Redipuglia (Gorizia) http://stellassj.wordpress.com/2012/05/10/memorie/
    A presto!

    • Mohawk ha detto:

      Brava, bel lavoro.
      Mi hanno sempre affascinato i cimiteri di guerra, non sono mai passato per Redipuglia, ma sono stato a Caporetto, in Normandia, a Monte Cassino ed a qualche altro sparso per l’Italia.

      • stellassj ha detto:

        Se ti interessa qualche info su Redipuglia e sul Parco della Grande Guerra (materiale turistico, depliant, piccole guide che danno in omaggio qui – alcune sono davvero belle) ti spedisco volentieri quel che posso, a me fa piacere promuovere questo territorio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...