Man on Fire

Non rompete, stasera si guarda un altro film di Tony Scott, questo parla di un pompiere, vedrete che vi piacerà.

Chissà perché ero convinto che Man on Fire parlasse di un pompiere, forse per colpa del titolo, forse perché la locandina vede Denzel Washington con il fuoco sullo sfondo. Comunque è piaciuto a tutti lo stesso.

Ex militare, coinvolto in passato nelle peggiori imprese americane, si ricicla in Messico come guardia del corpo di una bambina. Rimane coinvolto in un rapimento e per vendetta vuole fare l’unica cosa che gli riesce bene: ammazzare tutti.

Grande Denzel, grandissima regia come sempre.

11[1]

– In chiesa dicono che bisogna perdonare.

– Il perdono è una cosa tra loro e Dio, io provvedo a organizzare l’incontro.

Annunci

Pelham 123

E continua la visione dei film di Tony Scott, sempre più il mio regista preferito.

Un cattivissimo John Travolta sequestra un treno della metropolitana prendendosi un bel po’ di ostaggi, il buonissimo Denzel Washington si ritrova suo malgrado a dover negoziare la liberazione degli ostaggi pur essendo un semplice funzionario della compagnia dei trasporti.

Forse mi aspettavo qualcosina in più, però bello bello.

pelham

Top Gun

Mi sono ripromesso di guardare tutti i film del grande Tony Scott, ieri sera era il turno di Top Gun, indimenticato filmone simbolo degli anni’80.

Difficile commentare un film che ha oramai piu di 25 anni (!!??), sono cambiati i gusti. Con gli occhi di oggi sicuramente rimangono eccezionali le scene di combattimento aeree, anche perché gli effetti speciali a disposizione all’epoca non erano certo quelli di oggi.

Per il resto è uno di quei film che non mi sono mai piaciuti, anche perché contribuì all’immaginario anni ’80 di quegli imbecilli dei paninari, che io da bravo cinese nella Milano dell’epoca avrei solo preso a sprangate.

Ammirevole la recitazione del giovane Tom Cruise che riesce a farci vedere tutte e tre le sue espressioni. La coprotagonista femminile, che non era neppure una strafiga, non mi sembra abbia più fatto niente di importante, neanche ricordo come si chiama e non voglio andarla a cercare su google.

Però ricordo che per un breve periodo il mio socio alle superiori mi chiamava Goose…

Top_Gun_maverick-glasses

Spy Game

Ancora un altro film diretto dallo scomparso Tony Scott.

Questa volta ci siamo visti Spy Game, del 2001, con Robert Redford e Brad Pitt.
Sicuramente, per il piacere del pubblico femminile, uno più bello dell’altro.

Un agente della CIA imprigionato in un carcere cinese, un altro agente che cerca di liberarlo, la struttura CIA che per motivi politici lo vuole lasciare lì.

In un continuo passare dal presente della sede di Langley al passato delle varie azioni in cui sono stati protagonisti i nostri eroi, con la riconoscibile regia un po’ più tranquilla del solito.

Un gran film, ma di Tony Scott ne preferisco altri.

Unstoppable

Penso proprio che Tony Scott sia il mio regista preferito.

Ieri sera ha visto Unstoppable, con Denzel Washington, Chris Pine e soprattutto la bellissima Rosario Dawson.

Un immenso treno merci, come sanno essere giganteschi solo i treni americani, corre senza controllo, il carico naturalmente è altamente tossico e qualcuno deve trovare il modo di fermarlo.

Il Film è del 2010 ed è basato su una storia vera avvenuta nel 2001.

E’ sicuramente un bel film d’azione Hollywoodiano, che ti tiene in ansia fino alla fine, ma quello che per me lo rende speciale è la regia. Non sono un tecnico e non so come spiegarlo, ma come muove la macchina da presa Tony Scott non lo fa nessun altro.