Libera Baku Ora

LIbera baku OraLe parole scritte per riportare discorsi raramente suonano. La gente non esiste. È un’astrazione, il prodotto millenni di cultura e condizionamenti. Non reagisce mai come ci si aspetta reagirebbe la gente. Non ha occhi, nè orecchie. Siede quasi tutta davanti al televisore, e le parole esortano, rassicurano, elevano, indicano prospettive, ammoniscono. Le parole sortiscono il loro effetto, e la macchina dell’esistente opera per cattura, per vincolo e legame magico.
Libera Baku Ora!

Perché non è detto assolutamente che ogni libro che abbia scritto un Wu Ming debba per forza essere un capolavoro.

Grazie ai potenti mezzi di cui ora dispongo (un tablet cinese), posso finalmente leggere libri usciti dai cataloghi o difficilmente reperibili in biblioteca, che però si trovano facilmente in rete.

Questo è stato il turno di Libera Baku Ora, scritto da Wu Ming 5 nel lontanissimo 2ooo quando non faceva ancora parte del collettivo e si firmava Riccardo Pedrini.

Romanzo distopico, ovvero ambientato in un futuro prossimo non migliore del nostro presente. Siamo nel 2020, l’Italia è retta da una specie di dittatura che ideologicamente si basa su quello che si definisce Retta Coscienza. Una dittatura del volemose bene italico dove tutti amano il presidente, dove il presidente ama tutti, dove tutti sono più o meno liberi di fare ciò che vogliono, dove puoi scegliere se lavorare o no, dove non hai buoni motivi per pensarla diversamente dalla massa, ma se lo fai diventi un Contrario, dove la capitale d’Italia è a Bologna, dove il partito unico al potere si chiama Movimento.

L’esercito è composto dalle Guardie d’assalto, invincibili e unite tra loro da collegamenti empatici, la polizia è invece composta dalle Guardie del Popolo.

Se un guerriero è un’arma, e dell’arma conserva tutta la terribile nobiltà, la sudicia grandezza, uno sbirro non è che uno strumento, come una zappa o un cavatappi, o un clistere, un tristo operaio della violenza e della repressione. Uno sbirro allude sempre alla resistenza del materiale umano che deve pestare per lavoro, per ottenere un salario. […] Quando si rompono teste con il bastone molla, non è che il sangue zampilli. La testa si rompe, il sangue cola. Ecco tutto. Non è il taglio della spada, il foro mortale di un proiettile, una festosa esclusione. È una morte sconcia e orribile. Una mattanza, lavoro da sbirri.

Il romanzo è scritto bene, proprio come piace a me, del resto è stato un Wu Ming a scriverlo, ma non scorre bene come dovrebbe, soprattutto la seconda parte mi è sembrata pesante ed interminabile. Ci sono citazioni di filosofia orientale  innumerevoli come i granelli di sabbia del Gange, troppe per i miei gusti, non perché la disprezzi, ma perché non ho gli strumenti per capirla come si dovrebbe.

I suoni sembravano rimbalzare entro una cappa di piombo, che rifletteva i pensieri e le sensazioni, e li mandava in risonanza, in un effetto Larsen psicologico.

Nei suoi lavori solisti Wu Ming 5 non mi convinse neanche col suo Free Karma Food, devo terminare la sua trilogia con Havana Glam, prossimamente su questi schermi.

Su Anobii 3 stelline.

Annunci

Pietra della settimana: il Giaietto

giaietto1

No, tranquilli, non è una nuova rubrica.

Leggiamo intanto cosa ci dice Wikipedia:

Il giaietto o gagate è un mineraloide di origine vegetale. È una varietà di lignite, è quindi un materiale abbastanza fragile, di color nero brillante. Viene utilizzato in gioielleria per anelli, orecchini, braccialetti. Mediante un sistema di spazzolatura e pulitura acquisisce una brillantezza che non diminuisce col tempo. […] Nella lingua italiana, la parola giaietto viene usata molto raramente, e per indicare per lo più un certo tipo di nero. Appunto il nero giaietto. Viene invece trovata e ripetuta varie volte in molti romanzi inglesi o francesi, come termine di paragone o come pietra ornamentale.

Di pietre non ne capisco nulla, e penso di non aver mai sentito parlare prima del giaietto, però…

Leggo Terra Ignota e ad un certo punto il buon Vanni Santoni dice: … sulla struttura fondante dell’arena di solido giaietto. In un primo momento avevo addirittura pensato ad un refuso, ho pensato si stesse parlando di ghiaietto. In realtà proprio Vanni mi ha confermato trattarsi proprio della nostra pietra nera in oggetto

Qualche giorno dopo inizio a leggere Libera Baku Ora e ad un certo punto il caro Wu Ming 5 scrive prima: gli occhi neri sembravano pezzi di giaietto, e poi: gli occhi neri sono pezzi di giaietto

Ah, ma allora fate apposta, vi siete messi d’accordo? Direi di no, Terra Ignota è di fine 2013 mentre Libera Baku Ora risale oramai al lontano 2000!

Un caso? Ma certo che sì, però un caso abbastanza curioso da poter definire il giaietto: Pietra della settimana!

giaietto2